mercoledì 7 settembre 2016

Limpida ebbrezza



 Nell'ombra scalza e lenta
la sera sta morendo,
il silenzio bisbiglia i suoi segreti
mentre la luna spalanca la notte.

Tu scivoli suadente 
nelle valli del mio tempo,
danzi come pioggia
e benefica ti poggi sul mio volto,
inondi il mio corpo
come sorgente zampillante e pura
e con impeto sovrano
irriverente ed impetuoso
mi trascini nell'estasi catarsica
che squarcia lo scrigno dei desideri...

Tu
limpida ebbrezza
impetuosa e malandrina
questa notte galoppi irriverente
a colmare la mia danza d'attesa...

Grazia Denaro
Tutti i diritti riservati
Legge 633/ 1941

6 commenti:

  1. Un pensiero profondo espresso in versi di grande spontaneità
    Un abbraccio, poetessa, silvia

    RispondiElimina
  2. Grazie del commento Silvia, buona giornata ed un abbraccio, Grazia!

    RispondiElimina
  3. Immagini di grande effetto
    Bravissima!
    Rosanna g.

    RispondiElimina
  4. L'armonia delle immagini coglie il momento sprigionando il phatos. Ciao Grazia, buona domenica, Stefania

    RispondiElimina
  5. Grazie del commento Stefy. un caro saluto, Grazia

    RispondiElimina
  6. Grazie del passaggio e buona giornata Rosanna!

    RispondiElimina