domenica 24 aprile 2016

VORREI ESSERE FOGLIA E VOLTEGGIARE LEGGERA NELL'ARIA


Fuori è esplosa la primavera,
Il variegato verde degli alberi e dell'erba
splende come smeraldo cangiante...

io, qui in questo luogo in cui mi sento prigioniera
dietro i vetri di queste grandi finestre
guardo con malinconia
che la vita fuori vive rigogliosa e libera
accarezzandomi senza sfiorarmi.

Il sole gioca con i colori della natura
mentre un venticello giocoso e gentile
carezza con delicatezza le foglie degli alberi:
vorrei essere foglia
e nell'aria volteggiare libera e leggera,
alleggerirmi da questa zavorra
che m'opprime il petto
inibendomi dall'abbraccio vitale
a cui anela l'anima mia smarrita...

sono piccola cellula con cuore pulsante 
in balia degli eventi
in un universo che è immenso e perfetto,
un fragile elemento che la vita trascina
in questo silenzio e questa solitudine
greve d'enigmi da scoprire...


Grazia Denaro
Tutti i diritti riservati
legge 633/ 1941


8 commenti:

  1. A volte il desiderio di librare liberi nell'aria si fa forte, forse per
    alleggerirsi da quei pensieri opprimenti, cui, la vita ci sottopone,
    affaticando la mente....
    Versi originali, e di grande realtà, molto apprezzati
    Felice sera e un abbraccio poetessa, silvia

    RispondiElimina
  2. Profondamente tanto bella quanto triste. Versi intrisi di solitudine per una vita non vissuta, se non di sfuggita ed il suo caldo abbraccio è ancora anelato dall'anima e rivissuto dentro il cuore. Versi pieni di sentimento che affascinano per il loro coinvolgimento. Complimenti alla Poetessa!

    RispondiElimina
  3. Questa poesia è stata scritta in un periodo critico per me essendo in clinica per accertamenti sulla mia salute. Quindi ero molto giù di morale e guardavo il mondo e la natura attraverso i vetri di grandi finestre sentendomi esclusa. Grazie del commento Silvia. Ti auguro una serena serata. Grazia!

    RispondiElimina
  4. Grazie Elena hai centrato il mio stato d'animo che non era dei migliori per svariati motivi, ti ringrazi del commento, felice di averti qui nel mio blog, un abbraccio, Grazia!

    RispondiElimina
  5. Versi profondi, intensi, di una tristezza che commuove!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  6. Grazie del tuo commento e del tuo passaggio qui Beatris. Un caro saluto ed un abbraccio a te!

    RispondiElimina
  7. Lirica sentimentalmente molto coinvolgente che, se pur nel suo svolgersi di sensazioni tristi, ha ancora occhi per la natura che guarda oltre i vetri. Se vogliamo si può intravedere il desiderio di uscire per gioire appieno delle bellezze che al momento sembrano irraggiungibili. Molto bella. Ciao Grazia

    RispondiElimina
  8. Grazie del tuo apprezzamento alla mia poesia, penso che la natura faccia parte di noi ed in ogni circostanza della vita sa la nostra cornice. Un caro saluto ed una abbraccio Stefania, Grazia!

    RispondiElimina