domenica 13 marzo 2016

UN VAGARE SENZA FINE

Vengono da lontano
hanno percorso

 grande cammino.
  Vagano tra frontiere   
nel cuore dell'Europa
ormai chiuse
 in paesi non più accessibili
d'ammassi di filo spinato
e tra corridoi angusti
tra una frontiera e l'altra,
cercano una via che
li possa accogliere,
un paese

che non neghi loro
 richiesta d'asilo.
Ma quest'Europa
del terzo millennio
stanca

di subire quest'esodo
immane
di gente venuta

da ogni continente
africano,

ha detto basta!
Ha deciso di non assorbire
più gente

che passivamente
e con rassegnazione
abbandona il proprio paese
senza combattere

per riconquistarlo.
L'esodo continua
in un vagare
senza fine e senza meta,
mettendo in difficoltà
la Comunità Europea
che in un rigurgito

di rigetto
ha deciso di cambiar rotta
sull'accesso

indiscriminato
di queste genti.


Grazia Denaro
Tutti i diritti riservati
legge 633/ 1941


2 commenti:

  1. Una realtà crudele e disumana, che viviamo giorno per giorno, e alla quale è assai difficile porre pensieri di
    positività, per delle genti disperate, che fuggono da insane guerre e la cui presenza non è gradita in paesi più civili....
    Sempre bello leggerti,poetessa, felice domenica e un abbraccio,silvia

    RispondiElimina
  2. Grazie del commento Silvia che vedo che è vicino al mio pensiero. Certo che siamo mal messi, non so fino a quando potremo far fronte a questo flusso così indiscriminato. Buona serata Silvia!

    RispondiElimina