mercoledì 16 marzo 2016

NEL RIFIORIRE DELLA TUA PRESENZA

 
 
In questa gelida giornata
il vento frusta i miei capelli
accompagnando il mio cammino
nel mio andare senza meta.
 
La mente rimugina
sulle parole che mi hai detto
mentre il vento mi percuote
e mi trascina inconcludente
mordendo la mia carne
come frustata da uno staffile
mentre brividi di freddo
attraversano la mia pelle.
 
In me geme
e viva palpita la tua carne.
Porto i tuoi giardini
chiusi nel cuore.
 
Sento la nostalgia
dei nostri viali alberati
in cui la nebbia sfuma
e rende nitido il ricordo.
 
Il tempo
non ha tramutato i miei pensieri
che giacciono
ancora nel tuo desiderio...
 
vortici di dolcezza
inebriano la fantasia
nel sogno 
del rifiorire della tua presenza...


Grazia Denaro
Tutti i diritti riservati
legge 633/ 1941

5 commenti:

  1. Un sentire del profondo fortemente nostalgico,espresso in versi di grande sensibilità, che rendono la lettura della lirica di grande interesse
    Sempre bello leggerti, felice serata poetessa,silvia

    RispondiElimina
  2. Grazie per i commenti alle mie poesie, ti ringrazio tanto Silvia e ti auguro una serena serata!

    RispondiElimina
  3. Beh, l'autrice propone l'ennesima poesia d'amore con versi molto romantici e con un velo di nostalgia. Trovo la lettura molto scorrevole e pregna di dolcezze. Brava.

    RispondiElimina
  4. Grazie d'averti nel mio blog cara Silvia, buona serata ed un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Grazie Umberto di essere qui nel mio blog e del gradito commento. Buona serata!

    RispondiElimina