martedì 8 dicembre 2015

DI CRUORI E LACRIME PIANGE LA TERRA

Un'aura nefasta e scura
si posò sui cieli del mondo
occultando il sole
e la sua benefica luce .
Un manto crudele 
di forte costrizione
avviluppò malevolmente 
persone ignare
di essere prede e pedine
in una lotta mortale distruttiva
avendo come matrice il male
baluardo di mistificazioni
 sbandierate con falsa ipocrisia:
 verità distorte
atte ad annientare 
e massacrare impunemente 
per supremazia
 popoli inermi e riversando livore 
verso diverse credenze etico- religiose.
Ancora una volta nei millenni
Caino uccide il fratello,
spargendo sangue innocente 
senza appello.
Piange la terra 
di cruori e lacrime inondata
per l'avidità, la supremazia e l'intolleranza
in un esilio di gioia
ed in una crudeltà che scava solchi.

 


4 commenti:

  1. Versi profondi e significativi, che si posano su tragici avvenimenti, d'una realtà oscura e perversa, che travolge,
    con la sua violenza, vite innocenti
    Versi molto apprezzati, felice martedì carissima poetessa

    RispondiElimina
  2. Grazie del commento Silvia, ti auguro una bella e serena giornata carissima!

    RispondiElimina
  3. Una grande riflessione in versi profondi che condivido! Non vi è rimedio purtroppo all' ignoranza e al fascino di carismatici mostri...bravissima come sempre!
    Rosanna g

    RispondiElimina
  4. Grazie del commento Rosanna, ma pare che in alto loco nessuno si rende conto della gravità di questi nefasti fatti che stanno Rovinando l'umanità...sia quella che subisce, sia la barbarie che si è impadronita di taluni esseri. Buona serata!

    RispondiElimina